La "Collection de Portraits Ruinart"

di Gideon Rubin

Fedele a questo modus operandi, Gideon Rubin esplora le grandi figure rappresentative di Ruinart, dai padri fondatori alle personalità che danno oggi corpo alla maison.
La raccolta di fotografie anonime, su cui si articola di solito il lavoro di Rubin, lascia il posto a una collezione di ritratti - dipinti e fotografie - attinti dagli archivi Ruinart. Uomini e donne di tutte le epoche che, secondo Rubin, costituiscono l'anima di Ruinart con la loro storia, l’influenza sulla Maison o le creazioni di cui sono stati protagonisti, si trovano così riuniti, accomunati dall’omogeneità della pittura.

LA COLLECTION

de Portraits Ruinart

di Gideon Rubin

Nato nel 1973 a Tel Aviv, Gideon Rubin ha sempre raffigurato la rappresentazione dell'individuo attraverso ritratti senza volto, privati di ogni espressione facciale.
Visi anonimi e muti che fanno appello all'immaginazione e ai ricordi dello spettatore, il quale deve indovinare la storia all'origine dell'opera dagli indizi lasciati dal pittore: una postura, un atteggiamento, un abito...
La lettura si concentra così sui procedimenti tecnici e sui supporti scelti, per lasciare libero corso all'interpretazione narrativa del pubblico.

  • Frédéric Panaïotis

    Frédéric Panaïotis - Chef de cave della maison Ruinart dal 2007 a oggi.

  • Dom Thierry Ruinart - Questo intellettuale visionario presagisce che il nuovo "vin de mousse", creato in Champagne, sua regione natale, sedurrà i Grandi del mondo. Ne diventa uno dei più ferventi ambasciatori presso la corte reale.

  •  Prince Joseph of Ligne

    Prince Joseph of Ligne - Uno dei clienti più fedeli della maison Ruinart nel secolo dei lumi.

  • Antoine Hazart

    Antoine Hazart - Capo enologo alla fine del XVIII secolo presso Claude e François Irénée Ruinart, è il primo di una serie di chef de cave che metteranno i propri talenti al servizio della maison, a stretto contatto con i suoi responsabili.

  • Maarten Baas

    Maarten Baas - Artista invitato e reinterpretare i codici della maison Ruinart nel 2008.

  • Charlotte Ruinart - Viscontessa Ruinart de Brimont, prende le redini della maison facendo le veci del figlio diciassettenne, all'epoca troppo giovane per dirigere l'impresa. È una delle rare donne ad avere assunto un ruolo ai vertici di una casa produttrice di Champagne.

  • ALFONS MUCHA

    Alfons Mucha - Su commissione di André Ruinart, il maestro dell'Art Nouveau crea nel 1895 un manifesto la cui modernità farà sensazione. Questa prima collaborazione segna l'ingresso di Ruinart nell'universo dell'arte.

  • JEAN-FRANÇOIS BAROT

    Jean-François Barot - Chef de cave dal 1985 al 2002, porta un vento nuovo nella maison ripensando il "gusto Ruinart". Decide così di esprimere in modo più evidente l'eccellenza dello Chardonnay, ormai dominante nelle cuvée della maison Ruinart.

  • LOUIS XV

    Louis XV - Autorizzando il trasporto dei vini in bottiglia, è indirettamente all'origine della scoperta della presa di spuma, che ha dato vita allo Champagne.

  • NICOLAS RUINART

    Nicolas Ruinart - Nipote di Dom Thierry Ruinart e fondatore dell'omonima maison.

  • Voltaire

    Voltaire - Al secolo François Marie Arouet, filosofo e figura emblematica di quel famoso secolo dei lumi che vede la nascita della maison Ruinart.

  • Nacho Carbonell

    Nacho Carbonell - Artista invitato e reinterpretare i codici della maison Ruinart nel 2010.

  • Frédéric Panaïotis

    Frédéric Panaïotis - Chef de cave della maison Ruinart dal 2007 a oggi.